Conferenza di Astronomia a Palazzo Rospigliosi

Riceviamo e diffondiamo con piacere.

view

Domenica 1 marzo, alle ore 19.00, presso Palazzo Rospigliosi a Zagarolo, Fabrizio Vitali terrà una conferenza pubblica di Astronomia dal titolo “Cosmica: il Cielo dell’Uomo, visto dall’Uomo”, in cui racconterà una breve storia della Cosmologia, di come si è evoluto il pensiero dell’Uomo rispetto al mistero del cosmo e di quale sia l’attuale visione degli scienziati rispetto alla formazione e la successiva evoluzione dell’Universo. La conferenza è divulgativa, quindi aperta a tutti.
Alla fine della conferenza, meteo permettendo, si potranno osservare la Luna e Giove al telescopio. L’ingresso è gratuito.

Lettera aperta al Presidente della Repubblica

Pubblichiamo la lettera aperta al Presidente della Repubblica contro l’uso distorto della decretazione d’urgenza e con la richiesta che la L.I.P sulla scuola sia ammessa alla discussione parlamentare.

Per chi volesse firmare la petizione:

http://lipscuola.it/blog/lettera-presidente-repubblica/

 

Al signor Presidente della Repubblica
Sergio Mattarella
c/o Palazzo del Quirinale
00187 – Roma

 

Egregio Signor Presidente,
nel complimentarci con Lei per l’elezione a Capo dello Stato, desideriamo innanzitutto porgerLe i nostri più sinceri e calorosi auguri di buon lavoro.
Ascoltando il suo primo discorso a Camere riunite, abbiamo particolarmente apprezzato l’attenzione che ha voluto riservare al diritto allo studio e al futuro dei nostri studenti: “garantire la Costituzione significa garantire il diritto allo studio dei nostri ragazzi in una scuola moderna in ambienti sicuri, garantire il loro diritto al futuro”.

Chi le scrive rappresenta il Coordinamento nazionale a sostegno della Legge di Iniziativa Popolare “Per una buona scuola per la Repubblica”, un insieme che raccoglie attorno a sé decine di migliaia di cittadine e cittadini, insegnanti, studenti, genitori, tecnici di laboratorio, collaboratori scolastici, personale amministrativo, studiosi ed esperti, da sempre fermamente impegnati nella promozione dei valori e dei princìpi incarnati dalla scuola pubblica così come disegnati dalla nostra Costituzione: una scuola accogliente, aperta a tutte e tutti, inclusiva, capace di confrontarsi con le migliori tradizioni europee, garanzia di uguaglianza e pari opportunità nella formazione delle nuove generazioni. Un vero e proprio Organo Costituzionale, come ebbe a definirla l’indimenticabile giurista Piero Calamandrei.

Il nostro impegno per la scuola della Repubblica ci ha portati ad elaborare collettivamente, una Legge d’Iniziativa Popolare nata direttamente dalla passione e dalla sensibilità di chi studia e lavora nelle scuole del nostro Paese: quell’articolato, sottoscritto in modo certificato da oltre 100.000 elettori dieci anni fa, fu affidato a chi è delegato dal popolo a fare approvare le leggi; purtroppo nelle due legislature da allora trascorse, non venne mai discussa.

Riconoscendone ancora oggi l’importanza e l’attualità, negli ultimi mesi, parlamentari di tutte le forze politiche ne hanno riproposto il testo, opportunamente aggiornato: “Norme generali sul sistema educativo d’istruzione statale nella scuola di base e nella scuola superiore. Definizione dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di nidi d’infanzia” questo è il titolo del disegno di legge che ne è seguito, presentato sia alla Camera (Ddl 2630, 12/9/2014) che al Senato (Ddl 1583, 2/8/2014), primi firmatari, rispettivamente, Paglia e Mussini.
E’ ormai di dominio pubblico l’intenzione del Governo di procedere, per il riordino del nostro sistema scolastico, con “un decreto in cui ci starà dentro tutto quello che riteniamo utile per la scuola italiana. Lo strumento del decreto ci consente di fare tutto in fretta perché sono molte le riforme che vanno in Parlamento ma poi si perdono in quella palude, quindi non si conclude mai una riforma utile della scuola” (Davide Faraone, sottosegretario alla pubblica istruzione, nel corso della trasmissione radiofonica Fahrenheit, canale pubblico Rai 3, 13 febbraio 2015)
Ci chiediamo e chiediamo a Lei, unica Istituzione legittimata a giudicare in tal senso, se su una materia così complessa e di interesse generale, sia giustificabile il carattere “d’urgenza e di straordinaria necessità” dell’annunciato decreto legge.

Sull’uso abnorme della decretazione d’urgenza Lei si è già opportunamente espresso nel suo discorso di insediamento e già ebbe modo di esprimersi a proposito della Riforma Gelmini (L. 133/2008) quando scrisse: “Ma il vero colpo di mano, sostanziale, sta nell’aver deciso una questione di questa portata con decreto legge: con poche righe viene travolto l’ordinamento, il modo di essere di un intero settore scolastico fondamentale. In questo modo si è riusciti a eludere confronto, discussione e un vero esame parlamentare”.

Come non essere d’accordo!

Siamo francamente convinti che la nostra proposta di legge, unitamente a quella prefigurata dal Governo, potrebbe avviare in Parlamento un fruttuoso e approfondito confronto, al fine di giungere ad una necessaria e peraltro attesa riforma del nostro sistema scolastico. Dopo i tanti insuccessi del passato, sarebbe più che auspicabile far sì che i rappresentanti del popolo che siedono in Parlamento progettassero il futuro della scuola con quanti, in essa, operano e vivono ogni giorno.

Il Governo, viceversa, pare intenzionato ad includere nel decreto annunciato, non solo la regolarizzazione del personale precario imposta dalla recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea del 26 novembre 2014 – unico aspetto dove il carattere d’urgenza appare indubbiamente giustificato – ma anche “tutto ciò che si riterrà utile per una riforma della scuola”.

Ci appelliamo pertanto al Suo ruolo di Garante della Costituzione e alla Sua sensibilità istituzionale perché intervenga nei modi che riterrà più opportuni, al fine di evitare il rischio di una palese forzatura nell’uso della decretazione d’urgenza inibendo in tal modo anche le istanze di partecipazione dei cittadini.

Auguri di buon lavoro, signor Presidente.

per il Coordinamento nazionale a sostegno della Legge “per una Buona scuola per la Repubblica”:
Antonia Baraldi Sani, Marina Boscaino, Giovanni Cocchi
15 febbraio 2015

ASSEMBLEA DEI GENITORI – MARTEDI 24 FEBBRAIO ore 16,30

ASSEMBLEA DEI GENITORI

 

LICEO CAVOUR

untitled

MARTEDI 24 FEBBRAIO ore 16,30

 

Informazioni su progetti e iniziative

Criticità e proposte

Elezione rappresentanti del Comitato Genitori

Organizzazione della giornata Legambiente-Scuola, 15 marzo

nontiscordardime

Giornata di volontariato per migliorare le nostre scuole e renderle più sicure

TUTTI I GENITORI SONO INVITATI A PARTECIPARE

Celebrazione 166-esimo anniversario della nascita della Repubblica Romana

Associazione Democratica Giuditta Tavani Arquati

ASSEMBLEA NAZIONALE A SOSTEGNO DELLA LIP – SABATO 31 GENNAIO

 intesta

a tutti i docenti e gli studenti italiani

alla società civile che crede nella democrazia

alle associazioni

a chi pensa che la scuola debba essere partecipata ed inclusiva

 

Il 30 gennaio del 2005 – giusto 10 anni fa – nacque, durante un’assemblea nazionale dei Coordinamenti in Difesa della Scuola pubblica a Venezia, l’idea di scrivere una Legge d’iniziativa popolare sulla scuola.

Lo scorso luglio la LIP (Legge di Iniziativa Popolare Per una buona scuola per la Repubblica) è stata ripresentata come disegno di legge in Senato, a settembre alla Camera. Finalmente una vera e propria proposta formalizzata della scuola e non il solito “no” che tutti ci hanno sempre rimproverato.

La LIP può costituire una reale alternativa alla proposta di riforma della scuola renziana, se debitamente sostenuta e appoggiata.

Il prossimo 31 gennaio – in occasione del suo “compleanno” – il Comitato a sostegno della LIP scuola organizza un’assemblea nazionale a Roma con l’intento di interloquire con docenti, studenti, associazioni, sindacati al fine di individuare strategie comuni per ostacolare la folle corsa del Governo Renzi e delle sua proposta di riforma scolastica.

ASSEMBLEA NAZIONALE

a sostegno della

LEGGE di INIZIATIVA POPOLARE per una BUONA SCUOLA per la REPUBBLICA

SABATO 31 GENNAIO

ore 14.00 – 18.00
Aula Magna del Liceo Classico “VIVONA” Via della Fisica, 14 – ROMA
Metro B – Fermata Palasport

 

Vi invitiamo ad incontrarci in maniera aperta e costruttiva, a mettere per una volta da parte le pur legittime differenziazioni e divisioni, per vedere se unitariamente sia possibile individuare e costruire INSIEME una proposta forte ed adeguata, un’iniziativa che sappia richiamare la società tutta a difendere e rilanciare la “sua scuola”.

Scuola, l’exploit dei quindicenni italiani: balzo nelle prestazioni secondo i test Pisa

20 Gennaio ore 9,00 – Presentazione ricerca sulla Dispersione scolastica – Piccola Protomoteca – Campidoglio

Il 20 Gennaio alla Piccola Protomoteca i Centri di Servizio del Lazio presenteranno la Ricerca realizzata dalla Fondazione We World, la Fondazione Agnelli e l’Associazione Bruno Trentin in collaborazione con CSVnet, sui costi della dispersione scolastica e il ruolo della scuola e del terzo settore nel contrastarla.
La discuteremo insieme a Dirigenti scolastici, Referenti di reti di volontariato, Genitori e cittadini attivi, Responsabili e operatori dei Centri di aggregazione giovanile e servizi di contrasto alla dispersione scolastica.
Saranno con noi i due Assessori coinvolti nel merito: Paolo Masini, Assessore alle Politiche educative e Francesca Danese, Assessore ai Servizi Sociali e alla casa.

LOST
Dispersione scolastica: 

il costo per la collettività e il ruolo di scuole e terzo settore 

Martedi 20 gennaio 2015 alle ore 9,00

Sala della Piccola Protomoteca

Campidoglio – Roma

Sarà l’occasione per impostare un ragionamento complessivo che, a partire dai risultati della ricerca, ricolleghi l’azione educativa di scuola e extra-scuola per l’accoglienza, l’inclusione, il successo formativo.
La vostra presenza darà senso e sostanza al percorso iniziato e aiuterà a trovare le forme per impostare politiche stabili che ne migliorino la diffusione e la profondità.
In questo momento così difficile per la città e per la convivenza dobbiamo rinnovare le nostre energie per garantire ai bambini e alle bambine, alle loro famiglie, alle comunità, la massima tenuta democratica e sociale, la massima serenità, la più grande felicità possibile.
Non mancate!
Claudio Tosi
CESV Centro Servizi per il Volontariato
Via Liberiana 17
00185 Roma
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 201 follower